Convento franciscano


questa immagine rappresenta tutta la planimetria del santo sepolcro con le linee di contorno delle varie sezioni
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro

    testo

    questa immagine rappresenta tutta la planimetria del santo sepolcro con le linee di contorno delle varie sezioni
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro
    questa immagine fa parte di una sezione della pianta di santo sepolcro



    En los edificios colocados al norte de la Rotonda se encuentra el convento franciscano en el que residen los frailes encargados del oficio del Sepulcro. Los edificios constituían el Patriarcado constantino, sede del Obispo de la iglesia madre.
    En el antiguo proyecto constantino, una serie de vanos distribuidos en diversas plantas daban a un patio, un cuadrilátero al abierto alrededor del Anastasis que servía para dar luz a las ventanas de los ábsides de la Rotonda.

    Del poderoso edificio del Patriarcado actualmente se conservan las paredes de la planta tierra y de la primera, situada a casi 11 metros de altura. P. Corbo realizó investigaciones arqueológicas en toda el área del convento. Modesto, en el siglo XI construyó la Capilla de S. María: desde el convento se puede ver todavía intacta la puerta con tres orificios de la entrada exterior de la capilla, realizada con columnas romanas y capiteles bizantinos reutilizados.

    Una escalera impracticable actualmente, servía para que el Obispo de Jerusalén entrara en la basílica directamente desde la calle del Suk cristiano, a través de la cruzada Puerta de María.
    Para los peregrinos católicos, a través del convento se llega a la sala de los Cruzados en la que se puede celebrar la Santa Misa.

    Convento franciscano